Rubelli & Eataly a Expo Milano 2015: la passione italiana incontra l’arte

Eataly, società attiva a livello globale nella distribuzione di prodotti dell’eccellenza enogastronomica italiana, incontra Rubelli, azienda tessile veneziana nota in tutto il mondo per la ricercatezza dei suoi manufatti, ed è subito un tripudio di emozioni che conquistano i sensi ed il cuore. All’insegna della qualità e della cultura.All’interno del padiglione Eataly nell’ambito di Expo Milano 2015, la cultura della buona cucina e del buon bere propugnata orgogliosamente da Eataly si intreccia con l’arte della tessitura e della decorazione d’interni di Rubelli, i cui tessuti arredano con gusto residenze private e eleganti ristoranti di tutto il pianeta.La mostra di tessuti “Rosso Reale”, allestita di recente nelle cantine di Fontanafredda di Serralunga d’Alba, ha rappresentato la prima collaborazione tra Rubelli e Eataly. Questa felice “contaminazione” tra due eccellenze solo apparentemente distanti - l’eccellenza dei tessuti e l’eccellenza dei vini – prosegue ora nell’Expo. Qui Rubelli è presente con installazioni tessili di grande impatto visivo e tattile che decorano e delimitano gli spazi dedicati alla cultura e all’eccellenza del cibo.

La mostra di tessuti “Rosso Reale”, allestita di recente nelle cantine di Fontanafredda di Serralunga d’Alba, ha rappresentato la prima collaborazione tra Rubelli e Eataly. Questa felice “contaminazione” tra due eccellenze solo apparentemente distanti - l’eccellenza dei tessuti e l’eccellenza dei vini – prosegue ora nell’Expo. Qui Rubelli è presente con installazioni tessili di grande impatto visivo e tattile che decorano e delimitano gli spazi dedicati alla cultura e all’eccellenza del cibo. Il rosso domina nell’allestimento della mostra curata da Vittorio Sgarbi, in cui textures e velluti rigorosamente rossi fanno da quinta alla galleria di famose opere d’arte italiane, così come alle due “opere” esposte da Rubelli: un’antica tunicella quattrocentesca, uscita per l’occasione dall’archivio storico dell’azienda, e un’opera contemporanea, realizzata dai designers della maison veneziana. Opere che sono la dimostrazione di come Rubelli abbia saputo evolversi, crescere, innovarsi e rinnovarsi, utilizzando tecnologie e processi interpretativi sempre nuovi, ma senza abbandonare una tradizione ultracentenaria. Originalissime poi le installazioni tessili che, all’interno nel padiglione di Eataly, si propongono di reinterpretare in modo unico e accattivante, attraverso suggestioni cromatiche diverse, ingredienti e cibi basilari di molte culture: i bianchi della farina e del pane, il verde e il giallo dell’olio, i blu e gli azzurri dell’acqua e delle creature del mare, il rosso del vino.